Sei in: Home » Articoli

Concordato preventivo: creditori privilegiati. Escluso il loro soddisfacimento parziale se la richiesta è anteriore al 2007

Con la sentenza n. 6901 del 22.03.2010 la prima sezione civile ha chiarito come, prima dell'entrata in vigore del cd. decreto correttivo del 2007, non fosse possibile un soddisfacimento parziale dei creditori privilegiati. La Corte ha così cassato la sentenza con la quale in giudice d'appello riformando la sentenza di primo grado del Tribunale di Catanzaro che aveva dichiarato il fallimento di una società, che nella propria richiesta di concordato preventivo, aveva proposto un soddisfacimento parziale dei propri creditori privilegiati. La curatela sottoponendo la questione ai giudici di legittimità riteneva, che il giudice di merito avesse erroneamente applicato la normativa prevista a partire dal 2007 ad una richiesta di concordato anteriore alla sua entrata in vigore, che invece deve essere regolato solo dalla previsione del d.lgs del 2005. Esso pur eliminando ogni riferimento a condizioni soggettive ostative all'accesso alla procedura, a limiti quantitativi della percentuale di pagamento dei creditori chirografari, introducendo la possibilità di un soddisfacimento dei creditori con modalità diverse dal pagamento in denaro nonché della suddivisione dei creditori in classi omogenee per la posizione giuridica e gli interessi economici degli appartenenti alle stesse e un trattamento differenziato dei creditori a seconda della classe di appartenenza, non consente una simile possibilità di soddisfacimento parziale, con la conseguenza che i creditori privilegiati devono essere integralmente soddisfatti.
Non è ipotizzabile prima del decreto correttivo una estensione analogica al concordato preventivo di quanto previsto per il concordato fallimentare, trovandosi di ostacolo a ciò i principi generali dell'ordinamento giuridico e in particolare l'art. 12 delle preleggi.
(02/05/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF