Sei in: Home » Articoli

La mancata indicazione del codice fiscale nell'atto del difensore non intregra una ipotesi di nullità.

Il Tribunale di Varese, con ordinanza del 16 aprile 2010, ha riconosciuto che non possa essere ricondotta ad una ipotesi di nullità la mancata indicazione, nell'atto introduttivo del giudizio, del codice fiscale del proprio patrocinato. Nell'ordinanza il giudice istruttore ha precisato che, le modifiche apportate, a seguito della recente riforma ,all'art. 163, comma III, n.2, il quale richiede l'indicazione del codice fiscale delle persone che “rappresentano o assistono” le parti non vada intesa come riferimento agli avvocati , ma come richiamo agli istituti della rappresentanza e dell'assistenza di cui all'art. 182 c.p.c. e, dunque, ai soggetti che, in virtù di specifiche disposizioni normative, agiscono come sostituti processuali o rappresentanti legali . Ha poi precisato come per ciò che concerne l'atto difensivo dell'Avvocato è stato appositamente modificato l'art. 125 c.p.c. Due principi generali del sistema processuale escludono la possibilità di una pronuncia di nullità nel caso in cu,i nell'atto introduttivo del giudizio, non sia stato inserito il codice fiscale dell'assistito. Quello secondo il quale non può pronunciarsi nullità di alcun atto processuale se questa non è prevista per legge ( art. 156 I), e quello secondo il quale non può farsi luogo ad alcuna pronuncia di nullità se l'atto ha raggiunto lo scopo cui è preposto ( 156 III). Nell'ordinanza viene specificata la necessità di fornire una interpretazione del novellato art. 164 cpc, coerente con l'intero sistema processuale ed impedisca mere nullità formali, non giustificate dalla violazione del diritto di difesa.
Il codice fiscale consente di identificare in modo univoco, per fini fiscali, le persone residenti sul territorio italiano, ma non rileva , né ai fini dei rapporti tra le parti né tra le parti ed il giudice. Esso regola un rapporto estraneo al processo che non può avere riflessi su quest'ultimo.
(30/04/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Controllare il conto degli avvocati viola la CEDUControllare il conto degli avvocati viola la CEDU
Affido condiviso e alienazione genitoriale: collocazione prevalente da invertire o da eliminare?Affido condiviso e alienazione genitoriale: collocazione prevalente da invertire o da eliminare?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF