Sei in: Home » Articoli

Sezioni Unite Civili: Uomo propone ricorso senza avere capacità ad agire? Incapacità può essere sanata durante giudizio. No alla nullità del ricorso

Con la sentenza n. 9217 depositata il 19 aprile le sezioni unite della Cassazione, risolvendo un contrasto giurisprudenziale (sulla corretta interpretazione dell'art.182 comma 2, c.p.c., laddove, nel suo testo originario poi modificato dalla legge n. 69 del 2009, prevede che “quando rileva un difetto di rappresentanza, di assistenza o di autorizzazione, il giudice può assegnare alle parti un termine per la costituzione della persona alla quale spetta la rappresentanza o l'assistenza, o per il rilascio delle necessarie autorizzazioni, salvo che si sia avverata una decadenza”), hanno stabilito che l'incapacità ad agire può essere sanata nel corso del processo a fonte di un originario difetto della stessa.
Proponendo ricorso in appello, un uomo, si era visto respingere il ricorso per nullità dello stesso: l'uomo era stato inabilitato nel 1999 e la sua curatrice aveva si era costituita dopo il termine di decadenza. Le sezioni Unite, investite della questione su ricorso proposto dall'uomo inabilitato, hanno così deciso che “le invalidità derivanti dal difetto di capacità processuale possono essere sanate anche di propria iniziativa dalle parti; segnatamente con la regolarizzazione della costituzione in giudizio della parte cui l'invalidità si riferisce. Mentre l'intervento del giudice inteso a promuovere la sanatoria è obbligatorio, va esercitato in qualsiasi fase o grado del giudizio, e ha efficacia ex tunc, senza il limite delle preclusioni derivanti da decadenze processuali”.
(27/04/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF