Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pusher può ottenere attenuanti anche se il cliente è morto per la droga fornita

Il pusher che finisce sotto processo può ottenere uno sconto di pena anche nel caso in cui il suo cliente si adeceduto proprio a causa della droga che gli aveva fornito. E' quanto afferma la sesta sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza n. 10022/2010) che ha acolto il ricorso di due spacciatori in precedenza condannati dal Gup del Tribunale di Civitavecchia senza la concessione delle attenuanti generiche. Nella parte motiva della sentenza la Suprema Corte chiarisce che "in tema di attivita' illecite concernenti gli stupefacenti, l'evento morte dell'acquirente, in conseguenza dell'assunzione di droga ceduta, non costituisce, di per se', elemento ostativo all'applicazione della circostanza attenuante della lieve entita' del fatto". Il caso è stato ora rinviato alla Corte d'appello di Roma per la decisione in ordine alla sola applicazione delle attenuanti. Altre informazioni su questa sentenza La Corte ha rilevato che "la corretta nozione del concetto di globalita' dell'accertamento, ai fini della concessione della attenuante, non puo' paradigmaticamente ricomprendere il verificarsi di tale evento, conseguito ad assunzione di sostanza stupefacente, ed addebitabile all'agente a titolo di colpa, consistita nella violazione della legge sugli stupefacenti e nella conseguente prevedibilita' dell'evento letale". Annotano inolte i supremi giudici che "la nozione di mezzi, modalita' e circostanze dell'azione va ricollegata all'ambito proprio delle attivita' illecite concernenti gli stupefacenti". E questo a prescindere dal fatto che si tratti di "spaccio episodico o sistematico, esistenza o no di un'organizzazione sia pure rudimentale". Da qui la dispisizione di un nuovo esame perche' "con liberta' di giudizio, ma nel rispetto del criterio valutativo indicato si proceda ad un nuovo esame che dia conto della negazione della negazione della invocata attenuante per ragioni diverse da quelle attinenti alla vicenda" punita dall'articolo 586 c.p. che sanziona la morte o lesioni come conseguenza di altro delitto.
(12/04/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF