Sei in: Home » Articoli

Parcheggiatore abusivo? Non risponde di estorsione

Il parcheggiatore abusivo non commette reato: lo dice la Cassazione. La seconda sezione penale ha stabilito questo principio di diritto, con la sentenza n. 12762 depositata l'1 aprile 2010 su ricorso proposto da un parcheggiatore abusivo, imputato per il reato di estorsione. Gli Ermellini hanno quindi stabilito che “i fatti denunciati non possono essere ricondotti alla fattispecie della tentata estorsione, mancandone gli elementi costitutivi. In particolare non può essere ravvisata un'idonea minaccia nell'invito formulato dal (parcheggiatore) a rivolgersi ai proprietari delle autovetture che ostacolavano l'autovetture del (soggetto che si era rifiutato di pagare il parcheggiatore), né, in ragione di specifici indici di pericolosità correlati ai fatti per cui si procede”.
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/04/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF