Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nel licenziamento per giusta causa si applica lo Statuto dei lavoratori

La Cassazione, sez. lavoro, con sentenza n..6437 del 17 marzo 2010, ha stabilito che il licenziamento «per giusta causa» ha natura disciplinare e, come tale, deve sottostare alle norme dello statuto dei lavoratori. Una guardia giurata era stata licenziata dalla società privata dalla quale dipendeva dopo essere stato scoperto a dormire nelle ore di turno. Il Tribunale di primo grado, reintegrava nel posto di lavoro il dipendente con diritto al risarcimento dei danni, ritenendo sproporzionato e non corretto il licenziamento in tronco inflittogli , poiché, si violava quanto stabilito dallo Statuto dei lavoratori sulla contestazione dell'addebito e il diritto di difesa.
La Corte di appello, però, convalidava il licenziamento spiegando che, nel licenziamento per giusta causa è ammesso il cd. licenziamento in tronco e quindi, non trovano applicazione le procedure previste per le contestazioni disciplinari. La Suprema Corte ha, invece, stabilito che “il licenziamento motivato da una condotta colposa o comunque manchevole del lavoratore, indipendentemente anche dalla sua inclusione o meno tra le misure disciplinari della specifica disciplina del rapporto, deve essere considerato di natura disciplinare e, quindi, deve essere assoggettato alle garanzie dettate in favore del lavoratore dal secondo e terzo comma dell'articolo 7 della legge n.300 del 1970 circa la contestazione dell'addebito ed il diritto di difesa”. Quindi, la società avrebbe prima dovuto contestare l'addebito al lavoratore e, poi mettere in condizione il lavoratore di esercitare il suo diritto di difesa.
(28/03/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» La buona fede contrattuale
» Decreto ingiuntivo: quando si prescrive?
» Rumori in condominio: quando possono fondare il reato di disturbo della quiete
» Avvocati: online la nuova banca dati gratuita
» Fino a 169 euro di multa per chi guida troppo piano
In evidenza oggi
Avvocati: online la nuova banca dati gratuitaAvvocati: online la nuova banca dati gratuita
Arrivano i vigili a pagamentoArrivano i vigili a pagamento
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF