Sei in: Home » Articoli

Pusher dilettanti? Non si escludendo attenuanti generiche anche se poi cliente muore dopo assunzione

Con la sentenza n. 10022 depositata l'11 marzo 2010, la sesta sezione penale della Corte di cassazione, in tema di spaccio di sostanze stupefacenti, ha stabilito che è legittimo lo sconto di pena ad un piccolo spacciatore di stupefacenti e per di più dilettante (cd. Pusher), con un'attività definita “rudimentale” e “domestica”, anche se poi l'acquirente muore subito dopo l'assunzione. Gli Ermellini, accogliendo il ricorso proposto da una coppia di piccoli spacciatori, hanno motivato la loro decisione spiegando che “in tema di attività illecite concernenti gli stupefacenti, l'evento morte dell'acquirente, in conseguenza dell'assunzione della droga ceduta, non costituisce, di per sé, elemento ostativo all'applicazione della circostanza attenuante della lieve entità del fatto di cui all'art.73, quinto comma, del D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 390”. La Corte ha poi aggiunto che “la corretta nozione del concetto di “globalità” dell'accertamento, ai fini della concessione della detta attenuante non può paradigmaticamente ricomprendere il verificarsi di tale evento, conseguito ad assunzione di sostanza stupefacenti, ed addebitabile all'agente a titolo di colpa, consistita nella violazione della legge sugli stupefacenti e nella conseguente prevedibilità dell'evento letale.
La nozione di “mezzi, modalità e circostanze dell'azione” inoltre, va ricollegata – secondo la costante giurisprudenza di questa orte e i decisa della Corte Costituzionale di cui alle sentenza n. 33371991 e n. 133/1992 – all'ambito proprio delle attività illecite concernenti gli stupefacenti (spaccio episodico o sistemico, esistenza o no di un'organizzaizone sia pure rudimentale, e così via), restando così al di fuori delle condizioni previste dall'art.73, quinto comma, del D.P.R. n. 309 del 1990 l'evento previsto e punito del combinato disposto degli artt.586 e 589 C.P.”
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/03/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF