Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inopportuno il silenzio del cappellano se ci sono di mezzo condanne pesanti

sentenza martello giustizia
Una tirata d'orecchie ai cappellani del carcere arriva dalla Corte di Cassazione. Se ci sono condanne pesanti, spiegano i supremi giudici il silenzio dei sacerdoti su confidenze importanti diventa del tutto "fuori luogo". La precisazione arriva dalla quinta sezione penale della Corte che si è occupato del caso di un uomo (condannato con sentenza definitiva come mandante dell'omicidio di una coppia) il quale ha chiesto la revisione della sentenza sulla base di dichiarazioni rese, dopo nove anni dai fatti, dal cappellano del carcere dove era detenuto. Queste dichiarazioni lo avrebbero scagionato dimostrando la sua estraneità dei fatti. La Cassazione non ha ritenuto "attendibili" le dichiarazioni del sacerdote dato il notevole tempo trascorso tra la data in cui ebbe ad apprendere dei fatti e il momento in cui sono state poi riferite all'autorita' giudiziaria.
La Corte non ha esitato però dal censurare questo lungo silenzio. Nella parte motiva della sentenza si legge: "risulta che il sacerdote sin dal 1997 venne in possesso delle confidenze" di un detenuto "e da allora ebbe inizio il travaglio di coscienza del prelato che si concluse poi con l'inserimento della sua testimonianza nella istanza di revisione nel maggio 2006". Su ciò la Corte (sentenza n.10175/2010) afferma che "le confidenze non erano state raccolte dal sacerdote nel corso di una confessione, circostanza che avrebbe pienamente giustificato il tormento, ma nel corso di colloqui avvenuti nel carcere ai quali il sacerdote partecipava nella sua qualita' di cappellano della casa circondariale".
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/03/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF