Sei in: Home » Articoli

Unione Europa: Governo approva decreto legislativo su adeguamento servizi media e audiovisivi

Secondo una nota diffusa dal Consiglio dei Ministri, sarebbe stata approvato dal Governo il decreto legge di recepimento della direttiva U.E. sui servizi media audiovisivi. Il provvedimento normativo, proposto dal Ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola, e da Andrea Ronchi, Ministro per le politiche Europee, è stato approvato l'1 marzo scorso e si occupa tra le altre cose di tutelare i minori attraverso l'introduzione di una disciplina molto più severa, rispetto a quella precedentemente vigente, soprattutto per quanto riguarda l'adeguamento in delle televisioni alle innovazioni tecnologiche che si sono avute nel settore radiotelevisivo. I minori verranno più tutelati soprattutto dai programmi dal contenuto “nocivo”, quale potrebbe essere quello pornografico: è stato infatti introdotto un divieto di tipo assoluto di trasmissione ti programma di tale contenuto dalle ore 7 alle ore 23. Tutte le misure a favore dei minori verranno valutate sulla base di criteri elaborati dal Comitato di applicazione del Codice Media e Minori e saranno poi soggetti all'approvazione del Ministro dello sviluppo economico (con apposito decreto). In generale i programmi dal contenuto pericoloso saranno vietati dall'inizio e visibili solo in seguito all'inserimento di uno specifico codice che potrà attivare l'utente.
Dalla nota diffusa dal governo si apprende che, il decreto approvato, andrà ad incidere sul decreto legislativo del 31 luglio 2005 n. 177, in materia di radiotelevisione (Testo unico della radiotelevisione). Tra le novità da evidenziare, oltre al rafforzamento della tutela dei minori, il decreto indica le attività escluse da questo tipo di regolamentazione, e cioè i blog, i motori di ricerca, versioni elettroniche di quotidiani e riviste, giochi on line; il provvedimento si occupa quindi di reintrodurre obblighi di programmazione per tutti gli operatori e infine di semplificare il posizionamento dei canali televisivi sul telecomando, attraverso la sinergie dell'attività del Ministero e dell'Autorità Garante per le telecomunicazioni.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/03/2010 - Luisa Foti)

Link correlati:
http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/decreto_media_audiovisivi/index.html

Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF