Sei in: Home » Articoli

Licenziamento intimato per comportamento aggressivo nei confronti di un collega

Un lavoratore, dipendente di una compagnia assicurativa, reagiva, prendendo con pugni e calci, alle frasi ingiuriose rivolte dal collega nei propri confronti, il tutto all'interno del luogo di lavoro. Il comportamento del lavoratore veniva sanzione con la sanzione espulsiva. Il lavoratore impugnava il licenziamento. Ma, la domanda del ricorrente, volta a far dichiarare l'illegittimitÓ di tale recesso, sulla base del presupposto che si trattava di una reazione giustificata dagli insulti subiti, nonchÚ della sproporzione tra l'evento e la sanzione, veniva rigettata dal Tribunale.
La Corte di Appello di Torino confermava il giudizio di primo grado. Avverso la pronuncia di appello, il lavoratore promuoveva ricorso per Cassazione. Con l'ordinanza n. 2390 /2010, la Cassazione ha rigettato il ricorso. Il ricorrente reiterava le censure giÓ dedotte in primo grado e in appello, ribadendo che il giudice del merito non avrebbe correttamente valutato quanto emerso nel corso dell'istruzione, ovvero, che il passaggio a vie di fatto da parte del ricorrente era giustificato dalle ingiurie profferite nei suoi confronti dal collega e che il provvedimento espulsivo era illegittimo sia per difetto di proporzionalitÓ con l'illecito contestato, sia per differenza di trattamento, in quanto inflitto al solo ricorrente, mentre non era stato adottato alcun provvedimento disciplinare nei confronti del collega. La Corte ribadiva che il giudizio di proporzionalitÓ della sanzione inflitta al lavoratore alla gravitÓ dell'illecito contestato Ŕ riservata al giudice del merito e non Ŕ censurabile in Cassazione, se adeguatamente motivato. Nel caso di specie, il giudice del merito aveva adeguatamente motivato la sua decisione osservando che, dalle prove raccolte, era risultato che il ricorrente aveva tenuto un comportamento, quale l'aggressione fisica del collega, di gran lunga pi¨ riprovevole di quello tenuto dal collega, il quale si era limitato a ingiurie verbali, ragione per cui il licenziamento era certamente giustificato nei confronti del solo ricorrente e non risultava viziato da disparitÓ di trattamento.
Sia la ricostruzione dei fatti, avvenuta sulla base delle testimonianze raccolte, sia il giudizio di maggiore gravitÓ del comportamento del ricorrente rispetto a quello tenuto nell'occasione dal collega, costituiscono apprezzamenti in fatto riservati al giudice del merito, per cui tali valutazioni, in quanto sorrette da una motivazione congrua e priva di contraddizioni e vizi logici, non sono suscettibili di riesame in sede di legittimitÓ.
(19/03/2010 - Francesca Bertinelli)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Come si redige il ricorso per Cassazione? La "road map" in una sentenza della Suprema Corte
» Addio compenso per l'avvocato poco accorto
» Drogometro: al via in tutta Italia
» ResponsabilitÓ magistrati: il cittadino pu˛ agire direttamente per chiedere i danni
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammÓDivorzio: niente assegno alla ex laureata che torna da mammÓ
╚ legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?╚ legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF