Sei in: Home » Articoli

Psicologo sul posto di lavoro: la proposta dell'assessore alla salute di Milano.

La precarietà diventa una malattia: secondo alcuni dati, forniti dall'istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro, il cd. “mal d'ufficio” colpisce almeno dieci milioni di italiani. La giornata dedicata alla promozione della salute sui luoghi di lavoro, è stata quindi l'occasione per l'assessore comunale alla salute Giampaolo Landi di Chiavenna, per occuparsi della preoccupante situazione che colpisce milioni di italiani e proporre l'introduzione dello psicologo nelle aziende. La sindrome del precario, è quindi diventata una priorità per il comune di Milano: è stato proprio l'assessore milanese alla salute ad annunciare un tavolo con Assolombarda e Unione del commercio per promuovere questo innovativo progetto. “Questo è ormai il lato nascosto del lavoro, sempre più competitivo e sempre meno a dimensione d'uomo”, ha commentato Landi. L'istituto che si occupare della promozione della salute sul logo di lavoro (Ispesl) ha infatti diffuso dati preoccupanti: quasi al metà degli italiani infatti sono sarebbe soddisfatto del proprio lavoro. Sarebbe infatti del 43% la percentuale stimata dall'istituto. L'indagine rileva che gli episodi di prepotenza e discriminazione sarebbero le cause più frequenti di malessere psicofisico: insonnia, stress e depressione potrebbero essere generati da tali episodi. “I dati dell'Ispesl - ha dichiarato l'assessore - non fanno che confermare, purtroppo, i numeri e le percentuali su scala europea fornite dall'Inail e che noi denunciamo da tempo: le vittime di questa tipologia di stress in Europa sarebbero circa 40 milioni, con un costo per la collettività davvero impressionante.
I giorni di lavoro perduti ogni anno sono il 50%, pari a circa 20 miliardi di euro. Come se tutto ciò non bastasse sappiamo che a Milano è ormai diagnosticata anche una vera e propria sindrome da lavoro precario: rimuginare continuamente sul posto che non c'è, o che finirà insieme al contratto a scadenza”.
(25/02/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Avvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisiAvvocatura: professione prestigiosa ma ferita dalla crisi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF