Sei in: Home » Articoli

Stampatello nei concorsi: per il Consiglio di Stato si può usare

Problema infinito: chi scrive i compiti in stampatello è passibile di esclusione dal concorso pubblico per riconoscibilità? No risponde il Consiglio di Stato con la sentenza del 16 febbraio 2010; l'uso della scrittura a stampatello ha la finalità di rendere maggiormente comprensibile un elaborato in sede di concorsi pubblici e non assume carattere di segno distintivo. Anche la numerazione delle pagine per agevolare il lavoro dei commissari nella congerie dei fogli utilizzati dal candidato ha finalità prettamente ordinatoria; nel caso di specie la V sezione del Consiglio di Stato ha recepito l'appello di un Comune del Piemonte che ha impugnato la sentenza con cui il TAR aveva accolto il ricorso di un controinteressato ed annullato l'approvazione della graduatoria di un concorso pubblico da funzionario, escludendo di fatto il vincitore per aver utilizzato nella prova scritta la scrittura a stampatello.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/02/2010 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilità civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF