Sei in: Home » Articoli

Accertamento induttivo che attesta maggior reddito in base al listino prezzi? Valido anche in presenza di regolari scritture contabili

Con la Sentenza n.3542 del 16 febbraio 2010, la sezione tributaria della Corte di cassazione, decidendo nel merito la questione, ha stabilito che l'accertamento che si basa sul listino prezzi che viene esposto al pubblico (accertamento di tipo induttivo) si deve ritenere valido anche in presenza di scritture contabili regolari (accertamento analitico). La decisione degli Ermellini, su ricorso proposto dal Ministero dell'economia e delle Finanze per la cassazione della Sentenza, si basa sull'articolo 54 del D.P.R. del 26 ottobre 1972 n. 633 (Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto), che autorizzerebbe, anche in presenza di una regolare contabilità, il ricorso al cd. metodo induttivo e cioè il ricorso ad altri documenti o scritture contabili purché abbiano i requisiti dalla gravità, concordanza e precisione.
(22/02/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF