Sei in: Home » Articoli

Codacons: in preparazione una class action contro i produttori di sigarette

Il Codacons si sta preparando per avviare una class action contro la Bat Italia (British American Tobacco Italia) e i Monopoli di Stato al fine di ottenere il risarcimento dei danni in favore dei fumatori. Secondo l'associazione andrebbero risarciti anche quei fumatori che non si sono ammalati ma che sono comunque esposti al rischio di patologie legate al fumo. La difesa dovrebbe trarre sponto da una recente sentenza della Corte di Cassazione datata 17 dicembre 2009 che - spiega Carlo Rienzi, presidente dell'associazione - riconosce come "le sigarette rappresentino un prodotto pericoloso, e chi le produce e vende e' responsabile dei danni che provocano anche se il fumatore e' consapevole di correre un rischio". Secondo Rienzi "si potrebbe ipotizzare, dunque un concorso di colpa tra produttori e fumatori, e i primi potrebbero essere chiamati al risarcimento ancor prima che si verifichi il danno. Stiamo lavorando in questa direzione.
Si tratterebbe, certo di una causa di entita' minore rispetto a quella intentata da chi, ad esempio, si e' ammalato di cancro al polmone a causa del vizio, ma potrebbe essere di gran lunga piu' diffusa interessando un maggior numero di persone".
(14/01/2010 - Roberto Cataldi)
Le pił lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Bulli online: ammoniti dal questore
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF