Sei in: Home » Articoli

Novità invalidità civile: invio telematico richiesta benefici statali

Secondo quanto rende noto il governo, dal primo gennaio 2010 cambiano le regole per potere chiedere il beneficio statale in ambito di invalidità civile (a norma dell'art. 20 del decreto legge n. 78/2009, convertito nella Legge 102/2009, “Contrasto alle frodi in materia di invalidità civile”). Dal nuovo anno, infatti, la richiesta del beneficio è inoltrabile solo attraverso una procedura via internet che diventa quindi una condizione essenziale per l'invio della domanda. Per questo, sul sito dall'ente nazionale di previdenza sociale (Insp) è disponibile un'applicazione specifica (Invalidità Civile 2010) che permetterà di inviare la domanda.
Per poter accedere alla pagina in questione è sufficiente munirsi di un Pin, assegnato secondo apposite modalità stabilite dall'Inps che permetterà inoltre di monitorare lo stato della propria richiesta. Anche il medico che certifica l'invalidità civile dovrà essere abilitato alla procedura on-line: sarà, pertanto pubblicata sul sito dell'Inps un elenco dei medici abilitati alla procedura per il rilascio del certificato di invalidità che avrà validittà fino al decimo giorno dal rilascio del rilascio del certificato. È del 28 dicembre scorso la circolare dell'Inps (circ. n.131) finalizzata ad illustrare le modalità di invio della domanda nonché ad illustrare l'obiettivo di contrasto alle frodi per garantire certezza e tempestività. Per tutte le ulteriori informazioni in merito alla nuova modalità di invio della richiesta, https://www.inps.it.
(08/01/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF