Sei in: Home » Articoli

Contratto a termine: violazione dei limiti contrattuali

Il Giudice del lavoro di Monza con un'interessante sentenza (464/09), si pronuncia sulla legittimità di un contratto a termine e le conseguenze sanzionatorie a seguito di invalidità della clausola di apposizione del termine al contratto: l'art. 10, comma 7 Dlgs 368/2001, nel consentire ai contratti collettivi di fissare limiti quantitativi di utilizzazione del contratto a tempo determinato, si riferisce ai soli contratti successivi all'entrata in vigore del Dlgs n. 368/2001; pertanto il Giudice respinge l'eccezione di illegittimità dell'assunzione a termine relativa al superamento dei limiti quantitativi previsti dal Ccnl dei metalmeccanici del 1999. Infatti, il predetto art. 10 fa salva l'efficacia delle clausole che pongono limiti quantitativi fino alla data di scadenza dei contratti collettivi, ed il contratto del 1999 aveva chiaramente come scadenza la data del 31 dicembre 2002 anche laddove si addivenga alla tesi di una proroga della sua operatività per mancata sostituzione ad opera del nuovo contratto nazionale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/01/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF