Sei in: Home » Articoli

Capodanno: le principali regole per la nostra sicurezza

Ogni anno in prossimitÓ del capodanno si intensificano i controlli e i sequestri di fuochi d'artificio illegali. Parallelamente si portano avanti campagne di sensibilizzazione per un utilizzo corretto dei "botti" di fine anno. Sta di fatto che un utilizzo non corretto pu˛ diventare pericoloso. Secondo quanto emerge da una nota del Governo, "gli incidenti pi¨ gravi accadono ai ragazzi tra gli 11 e i 14 anni e le parti del corpo pi¨ colpite sono mani e occhi".
Ecco le principali indicazioni fornite dall'esecutivo per evitare di farsi male:
- In primo luolo, i botti debbono essere tenuti lontani dai bambini. "Tutti i prodotti pirotecnici - spiega il Governo - compresi quelli di libera vendita che si possono acquistare anche nei supermercati, nelle cartolerie ed in esercizi non specializzati, non sono mai destinati ai bambini". Inolte la vendita a minori di anni 14 Ŕ sempre perseguibile a norma di legge.
- Solo chi ha pi¨ di 14 anni pu˛ acquistare prodotti pirotecnici di libera vendita. Non possono per˛ acquistare quelli di IV e V categoria che sono destinati ad adulti autorizzati oppure ad un uso di tipo professinale.
- i botti inesplosi non debbono essere toccati perchŔ potrebbero scoppiare.
- Mai usare le armi. quando si spara in un luogo pubblico non solo si crea un grave pericolo per l'incolumitÓ delle persone ma si commette anche un reato e possono scattare le manette.
Nel sito della Polizia di Stato sono fornite indicazioni e consigli per un corretto utilizzo dei fuochi d'artificio.
(31/12/2009 - Notiziario)
Le pi¨ lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non pu˛ essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Avvocato: niente responsabilitÓ per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilitÓ per il solo fatto di aver commesso un errore
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF