Sei in: Home » Articoli

Capodanno: le principali regole per la nostra sicurezza

Ogni anno in prossimità del capodanno si intensificano i controlli e i sequestri di fuochi d'artificio illegali. Parallelamente si portano avanti campagne di sensibilizzazione per un utilizzo corretto dei "botti" di fine anno. Sta di fatto che un utilizzo non corretto può diventare pericoloso. Secondo quanto emerge da una nota del Governo, "gli incidenti più gravi accadono ai ragazzi tra gli 11 e i 14 anni e le parti del corpo più colpite sono mani e occhi".
Ecco le principali indicazioni fornite dall'esecutivo per evitare di farsi male:
- In primo luolo, i botti debbono essere tenuti lontani dai bambini. "Tutti i prodotti pirotecnici - spiega il Governo - compresi quelli di libera vendita che si possono acquistare anche nei supermercati, nelle cartolerie ed in esercizi non specializzati, non sono mai destinati ai bambini". Inolte la vendita a minori di anni 14 è sempre perseguibile a norma di legge.
- Solo chi ha più di 14 anni può acquistare prodotti pirotecnici di libera vendita. Non possono però acquistare quelli di IV e V categoria che sono destinati ad adulti autorizzati oppure ad un uso di tipo professinale.
- i botti inesplosi non debbono essere toccati perchè potrebbero scoppiare.
- Mai usare le armi. quando si spara in un luogo pubblico non solo si crea un grave pericolo per l'incolumità delle persone ma si commette anche un reato e possono scattare le manette.
Nel sito della Polizia di Stato sono fornite indicazioni e consigli per un corretto utilizzo dei fuochi d'artificio.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/12/2009 - Notiziario)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF