Sei in: Home » Articoli

Cassazione: basta con le sentenze scritte a mano. E' segno di scarsa attenzione nei confronti del cittadino

La Cassazione dice basta alle sentenze scritte a mano e bachetta i magistrati che ancora risultano ostilli all'utilizzo delle nuove tecnologie. Sta di fatto che tal volta le sentenze scritte con la penna risultano incomprensibili. Sia ben chiaro, chiarisce Piazza Cavour, non Ŕ vietato scrivere a mano, ma questa modalitÓ di redigere le sentenze dimostra "attenzione ridotta da parte del magistrato amanuense alla manifestazione formale della funzione giurisdizionale" e mette "in secondo piano le esigenze del lettore e in particolare di chi, avendo riportata condanna, pretende di conoscere agilmente le ragioni''. Gli ermellini considerano insomma "obsoleto" il giudice che continua a scrivere di suo pugno. L'invito della Corte a "modernizzarsi" Ŕ nato in relazione all'esame di una sentenza relativa a due persone condannate per concorso in tentata rapina impropria.
Ricorrendo in Cassazione i due imputati hanno cercato di annullare la sentenza che i Giudici della Corte di Appello avevano scritto a mano e con una grafia poco leggibile. Esaminando il caso la Suprema Corte ha rilevato che "la lettura del testo non era impedita da grafia ostile al punto da precluderne la comprensione al di la' di ogni ragionevole dubbio". Ma dopo questa considerazione hanno dato una tirata di orecchie ai colleghi della Corte territoriale che continuano a scrivere le sentenze con la penna. Si tratta di una modalitÓ obsoleta - rimarca la Cassazione - segno, appunto, "di attenzione ridotta'' anche nei confronti degli imputati.
(29/12/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Bulli online: ammoniti dal questore
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF