Sei in: Home » Articoli

Cassazione: via libera all'espressione "cazzate". E' volgare ma non offende

La Cassazione da il via libera all'espressione 'cazzate'. Un termine che nel linguaggio comune viene utilizzato per definire cose di poco conto. Secondo la Corte anche se il termine può risultare volgare, di certo non sempre può avere una carica offensiva tale da poter ledere l'onore di una persona. Sulla scorta di tale motivazione la seconda sezione penale (sentenza n. 49423/2009) ha confermato l'assoluzione di un 31enne accusato di ingiuria per aver detto durante un'animata riunione condominiale, facendo unchiaro riferimento ad uno dei condomini, "Papa', andiamo via, abbiamo cose piu' importanti da fare che ascoltare le sue cazzate". La lite era nata perchè l'assemblea aveva vietato il posteggio delle auto nel cortile e la delibera era successivamente annullata.
Durante la discussione un condomino aveva anche accusato il 31enne di aver danneggiato una autovettura. A quel punto il giovane, sentendosi ingiustamente accusato, si era rivolto a suo padre per invitarlo ad andare via e a non stare li a sentire quelle 'cazzate'. IL caso finiva in Tribunale e in primo grado il 31enne veniva condannato. La sentenza veniva ribaltata in appello e l'assoluzione è stata ora confermata dalla Suprema Corte.
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/12/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF