Sei in: Home » Articoli

Cassazione: scattano le manette per l'amante che minaccia di rivelare la relazione clandestina

Un avvertimento a tutti gli amanti arriva dalla Corte di Cassazione: una relazione clandestina deve restare tale perchŔ se si minaccia di rivelarla si rischia una condanna per il reato di estorsione. Una simile minaccia infatti, spiegano gli Ermellini, determina quella condizione di assoggettamento della volontÓ che costituisce il presupposto di tale reato. E a nulla rileva che "il fatto minacciato possa assumere, in se', risalto soltanto sul piano dei costumi e delle regole sociali". La vicenda presa in esame dal Palazzaccio riguarda il caso di un uomo di 33 anni che aveva minacciato di rivelare alla madre della sua amante la loro relazione.
Dopo la minaccia il caso finiva nelle aule di giustizia e ne scaturiva una doppia codanna in primo e in secondo grado per tentata violenza privata e per estorsione a due anni, 4 mesi e 20 giorni di reclusione con l'aggiunta diuna multa di 320 euro. In Cassazione l'uomo si Ŕ difeso sostenendo che il fatto di minacciare di togliere dalla clandestinita' una relazione segreta poteva solo incidere sul "piano morale" ma non certo avere rilevanza sotto il profilo penale. Il ricorso Ŕ stato respinto dalla suprema Corte che nella parte motiva della sentenza sottolinea come "in tema di estorsione, la minaccia diviene 'contra ius' quando, pur non essendo antigiuridico il male prospettato, si faccia uso di mezzi giuridici legittimi per ottenere scopi non consentiti o risultati non dovuti, come quando la minaccia sia fatta con il proposito di coartare la volonta' di altri per soddisfare scopi non consentiti o risultati non dovuti, per soddisfare scopi personali non conformi a giustizia".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/12/2009 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» La manovra Ŕ legge: tutte le novitÓ punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non Ŕ vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1░ gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF