Sei in: Home » Articoli

Privacy e visite mediche: al lavoratore affetto da Hiv è assicurato l'anonimato

Il Garante per la privacy con newsletter n. 331/2009, ha chiarito che al lavoratore siero positivo deve essere garantito l'anonimato sulla documentazione medica che lo riguarda e che viene fatta circolare per ragioni amministrative nell'ambito dell'organizzazione del datore di lavoro. Quindi, di fronte all'accertamento medico dello stato di sieropositività e della necessità di gestire il rapporto di lavoro con il lavoratore interessato, l'attestato inviato dal medico ad altri organi o uffici non deve riportare il giudizio diagnostico ma solo un giudizio medico-legale di idoneità o inidoneità al lavoro. Non compare alcuna diagnosi che possa essere conosciuta dal datore di lavoro e dai suoi collaboratori/incaricati nel rispetto della privacy del lavoratore in quanto i dati di eventuali malattie come la sieropositività non sono indispensabili per la gestione amministrativa del rapporto di lavoro. Le norme regolamentari della Pubblica Amministrazione devono, pertanto, adeguarsi a quanto previsto dal Codice della privacy e alle indicazioni puntuali del Garante.
(04/12/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF