Sei in: Home » Articoli

Dimissioni per giusta causa ed indennità di mobilità

L'Inps, con messaggio n. 25942/2009, chiarisce che il lavoratore percettore dell'indennità di mobilità decade da tale trattamento in caso di instaurazione di un rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. Se successivamente lo stesso lavoratore rassegna le proprie dimissioni per giusta causa ha diritto alla reiscrizione nelle liste di mobilità e alla percezione del relativo trattamento integrativo per il periodo corrispondente alla parte residua non goduta decurtata del periodo di attività lavorativa. Infatti, chiarisce l'Inps che le dimissioni per giusta causa, determinate nella fattispecie in esame, dal mancato pagamento della retribuzione, comportano un'interruzione involontaria del rapporto di lavoro, in quanto addebitabile al comportamento del datore di lavoro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/12/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF