Sei in: Home » Articoli

Inps: assegnazione indirizzo di posta elettronica certificata

L'Inps (messaggio n. 22520/2009) ha portato a compimento l'assegnazione ai cittadini, che ne faranno richiesta, di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), che è uno strumento che permette di dare ad un messaggio di posta elettronica lo stesso valore di una raccomandata con avviso di ricevimento. I responsabili delle strutture dell'Inps sono tenuti alla tempestiva lettura dei messaggi Pec ed in ogni caso a garantire giornalmente la presa visione di tali messaggi. Il sistema Pec provvede a notificare la ricezione del nuovo messaggio al Direttore della struttura ad ai responsabili dei Processi ogni 24 h, fin quando lo stesso non sarà letto.
In particolare:
1. il cittadino può effettuare la richiesta on –line tramite il sito dell'Inps e dovrà successivamente recarsi in sede per il riconoscimento,
2. il riconoscimento in sede verrà effettuato dagli stessi operatori che attualmente rilasciano il Pin.
La richiesta della casella Pec è subordinata ai seguenti requisiti:
- essere cittadino italiano e residente in Italia
- essere maggiorenne
- essere in possesso del Pin per l'accesso ai servizi ondine del cittadino sul portale dell'Inps
- essere riconosciuto direttamente presso la sede dell'Inps.
(31/12/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
In evidenza oggi
Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticantiAvvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
Giudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibileGiudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso è tardivo, la memoria ora è ammissibile
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF