Sei in: Home » Articoli

Giustizia: Agicom, contrarie a norme comunitare alcune disposizioni relative all'ordinamento forense e al processo civile

Alcune disposizioni relative all'ordinamento forense e alla riforma del processo civile sono incompatibili con le norme comunitarie. Lo afferma l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che ha inviato una segnalazione al Governo in relazione ai recenti disegni di legge in materia di ordinamento forense e sulla legge Delega 69/2009 in materia di riforma del processo civile. Secondo l'Agcom alcune disposizioni relative alle conciliazioni e ai procedimenti davanti alle Autorita' indipendenti risultano incompatibili con le norme comunitarie poste a tutela degli utenti dei servizi di comunicazioni elettroniche.
Nel comunicato della Agcom si legge: "non puo' essere condivisa la scelta di obbligare gli utenti ad avvalersi della difesa tecnica di un avvocato nelle procedure di conciliazione e nei procedimenti davanti alle Autorita': la Direttiva 2002/22/CE, infatti, che regola i diritti degli utenti in materia di reti e servizi di comunicazione elettronica, stabilisce che ''gli Stati membri devono assicurare procedure extragiudiziali trasparenti, semplici e poco costose per l'esame delle controversie irrisolte. [...] E' evidente, allora, che la necessaria presenza di un avvocato, con il suo ruolo tipicamente difensivo, puo' da un lato irrigidire la semplicita' delle procedure e, dall'altro, comporta certamente un aumento dei costi che, specialmente nelle liti di ridotto valore (quali sono generalmente quelle in materia di comunicazioni elettroniche), davvero non e' auspicabile".
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/11/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF