Sei in: Home » Articoli

Legittimo il licenziamento per assenza ingiustificata a fronte della comunicazione del medico fiscale di essere in condizioni di riprendere il lavoro

La Corte d'Appello di Genova, con sentenza n. 458/2009, chiarisce che la gravità della colpa che supporta il licenziamento per giusta causa del lavoratore può trovare fondamento, oltre che nella ragione della oggettiva assenza dal lavoro non più giustificata, anche nel profilo soggettivo del suo comportamento, senz'altro contrario a quello spirito di diligente collaborazione, di correttezza e buona fede nell'esecuzione del rapporto che costituiscono obblighi specifici del lavoratore. Nel caso esaminato dalla Corte, la lavoratrice aveva ricevuto la visita del medico fiscale dopo quella del suo medico di base lo stesso giorno. Il medico fiscale certificava un periodo di malattia di un solo giorno, quello stesso della visita, (ciò avrebbe comportato l'obbligo della lavoratrice di ripresentarsi al lavoro il giorno successivo), invece, il medico di base diagnosticava un periodo di malattia più lungo. Successivamente, l'Inps, interpellata dal datore, inviava alla lavoratrice una lettera chiarificatrice sul dovere di considerare valida la certificazione posteriore, ossia quella del medico fiscale. A fronte di tale chiarimento,La Corte stabilisce che la lavoratrice, il cui comportamento fino a quel momento poteva ritenersi “giustificato” dalla contraddittorietà tra i due certificati, avrebbe dovuto riprendere servizio
(20/12/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF