Sei in: Home » Articoli

Licenziamento collettivo: legittimo anche se non c'è vera e propria crisi aziendale

È legittimo il licenziamento collettivo intimato dal datore di lavoro per riduzione di personale anche laddove non sussista una vera e propria situazione di crisi aziendale e la riorganizzazione sia dettata esclusivamente dalla necessità di ridurre il costo del lavoro perché l'art. 24 della legge n. 223/1991, rubricato norme in materia di riduzione del personale, menziona non solo le ipotesi di riduzione, bensì anche quelle di trasformazione dell'attività lavorativa (Corte Appello Napoli 1° aprile 2009). Inoltre, parimenti legittimo deve considerarsi nella scelta dei lavoratori da mettere in mobilità l'adozione di un criterio basato sull'età pensionabile o sulla prossimità alla data del pensionamento, richiamando proprio nel caso di specie, l'art. 59, comma 3, L. 449/97 e art. 8 Dm 158/2000 entrambi concordi nell'individuare quale criterio privilegiato di scelta dei dipendenti bancari interessati da procedure di mobilità, quello della maggiore età o maggiore prossimità alla maturazione del diritto alla pensione.
Nel caso esaminato, la Corte d'Appello esclude qualunque intento persecutorio o discriminatorio nell'operato della Banca, specialmente ove si consideri che sono proprio i soggetti percettori di pensione a poter più facilmente far fronte alle difficoltà inevitabilmente connesse alla perdita del posto di lavoro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/12/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF