Sei in: Home » Articoli

Responsabilità dell’Inps per mancato recupero dei contributi previdenziali dovuti e non versati

L’Inps è responsabile nei confronti del lavoratore, solo nel caso in cui quest’ultimo agisca nei confronti dell’ente e quest’ultimo rimanga inerte ( Trib. Vicenza 14 maggio 2009, n. 159) Diversamente, il mancato pagamento della contribuzione riferita a periodi prescritti e per i quali l’Inps avrebbe potuto comunque agire per il recupero, non fa sorgere alcun diritto risarcitorio nei confronti dell’Ente. Il Giudice rilevava che, poiché l’integrità della posizione poteva essere fatta valere sulla base di un’iniziativa del lavoratore – assicurato, il momento in cui andava accertata la prescrizione decennale dei contributi era quello in cui l’interessato si rivolgeva all’Ente per il recupero dei contributi omessi da parte del datore. Nel caso di specie, l’iniziativa del lavoratore era avvenuta nel momento in cui la rivendicata contribuzione era già prescritta.
Pertanto ne conseguiva che l’Ente previdenziale non era responsabile, poiché tra l’altro il lavoratore era stato periodicamente posto a conoscenza della contribuzione versata con la documentazione consegnata nel corso degli anni.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/11/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
CONTENZIOSO BANCARIO
Prova gratis per 30 giorni la nuova piattaforma di diritto e contenzioso bancario (Maggioli Editore)
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF