Sei in: Home » Articoli

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: il lavoratore deve impugnare specificatamente i criteri di scelta ex L. 223/1991 e non solo il licenziamento

Il Tribunale di Monza ( sent. 478/2009) aderisce all'orientamento giurisprudenziale (Cass. 16144/2001) in base al quale i criteri di scelta del lavoratore da licenziare dettati dall'art. 5 della legge n. 223/1991 ( in particolare il profilo professionale del lavoratore e le sue condizioni socio – familiari) sono analogicamente applicabili al licenziamento per giustificato motivo oggettivo, purchè sussista la specifica impugnazione da parte del lavoratore del mancato rispetto dei criteri di scelta, non essendo sufficiente la sola impugnazione del licenziamento. In ogni caso, rimane fermi il principio per cui ricade sul datore di lavoro l'onere di provare anzitutto la reale sussistenza del motivo addotto per il licenziamento.
(24/11/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Successioni: ecco il nuovo modello
» Avvocati: l'ordine di Milano assume
» Come mettere il cognome della madre ai figli
» Riforma processo penale, tutti intercettati!
In evidenza oggi
Divorzi finti per pagare meno tasse: sono oltre 6milaDivorzi finti per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
Corte Ue: i vaccini possono provocare malattieCorte Ue: i vaccini possono provocare malattie
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo