Sei in: Home » Articoli

Garante: Test genetici via Internet, necessarie maggiori garanzie

Il Garante per la protezione dei dati personali ha dato notizia (newsletter del 24 febbraio-2 marzo 2003) di una recente pubblicazione del Gruppo Europeo sull'Etica nelle Scienze e nelle Nuove Tecnologie in cui vengono segnalti all'opinione pubblica, e a tutti i soggetti con responsabilità politiche, i problemi legati alla pubblicità dei test genetici via Internet. Tale Gruppo, che riunisce esperti di varie discipline (tra cui il Garante per la protezione dei dati personali) e che si occupa di offrire consulenze e indicazioni sugli aspetti etici dell'attività scientifica e delle nuove tecnologie, alla Commissione UE, ha precisato che le informazioni fornite dai messaggi pubblicitari sono spesso fuorvianti e imprecise e che i test genetici possono avere conseguenze negative se non vengono accompagnati da un'adeguata consulenza. La commercializzazione di massa dei test genetici, spiega il Garante, "pone molti e gravi problemi etici, sociali, giuridici e tende a trasformare uno strumento eminentemente diagnostico in una merce alla stregua di ogni altra, creando una domanda che può avere conseguenze potenzialmente laceranti per il tessuto sociale ed i rapporti interpersonali.
In molti casi non ci sono sufficienti garanzie nella raccolta dei dati genetici inviati per i test e possono essere messe a rischio sia la salute delle persone sia la riservatezza dei dati sanitari".
(05/03/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF