Sei in: Home » Articoli

Licenziamenti successivi: il secondo produce effetti solo se il primo viene annullato

Il licenziamento illegittimo non è idoneo ad estinguere il rapporto al momento in cui è stato intimato, determinando unicamente una sospensione della prestazione dedotta nel sinallagma, a causa del rifiuto del datore di ricevere la stessa, e non esclude che il datore di lavoro possa rinnovare il licenziamento, in base ai medesimi o a diversi motivi del precedente. Né consegue che, nel caso in cui, dopo un primo, ne sia intervenuto un altro, quest'ultimo produrrà i suoi effetti solo qualora il precedente recesso venga dichiarato illegittimo. Nel caso di specie gli ex dipendenti sostengono che anche il secondo licenziamento era da considerarsi invalido poiché intimato quando, per effetto del primo, il rapporto di lavoro era venuto meno.
La Cassazione (sentenza 19770/2009), richiamando un orientamento già espresso in precedenza con la sentenza n. 6055/2008, rileva che il licenziamento illegittimo intimato a lavoratori ai quali sia applicabile la cd tutela reale, determina solo un interruzione di fatto del rapporto di lavoro, ma non incide sulla sua continuità. Ciò è, altresì, confermato dal fatto che il recesso illegittimo non determina la cessazione della copertura retributiva e previdenziale nei confronti del lavoratore reintegrato, la continuità e la permanenza del rapporto, giustifica l'irrogazione di un secondo licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, fondato su fatti diversi da quelli posti a base del precedente provvedimento di recesso, che produrrà i suoi effetti solo qualora il primo venga dichiarato illegittimo.
(20/11/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF