Sei in: Home » Articoli

Cassazione: parole fuori luogo? In ufficio si possono comprendere

Un dipendente che si lascia scappare qualche parola di troppo in uno scatto d'ira non può essere licenziato. Poco importa che si tratti di parole volgari perchè secondo Piazza Cavour un simile comportamento di può comprendere come momentaneo stato di esasperazione. A riabilitare l'impiegato cafone è la sezione lavoro della Corte che (sentenza 23289/2009) ha chiarito come gli stati d'ira temporanea e le parole fuori luogo rivolte ad un collega non ledono ''il rapporto fiduciariocon l'azienda''. Per questo non si può ipotizzare un licenziamenteo per per giusta causa. Sulla scorta di tale motivazione la Corte ha respinto il ricorso di una azienda che si era opposta al reintegro di un lavoratore che era stato licenziato dopo che in presenza di tre colleghi si era rivolto al consigliere aziendale con male parole e lanciandogli una cornetta del telefono.
Dopo il licenziamento l'impiegato era stato reintegrato con una decisione della Corte d'Appello. L'azienda in cassazione aveva sostenuto la ''giusta causa'' del licenziamento.
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/11/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
In evidenza oggi.
Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF