Sei in: Home » Articoli

Lavoro intermittente: risposta del Ministero del Lavoro ad interpello 12.10.2009 n. 72

In caso di riassunzione dello stesso lavoratore, in precedenza in forza con contratto a termine, con contratto di lavoro intermittente (reintrodotto dal D.L n. 112/2008, conv. Da legge n. 133/2008), pur se svolto a tempo determinato, e viceversa, non sarà necessario il rispetto del periodo minimo di intervallo previsto dal Dlgs n. 368/2001 tra un contratto e l'altro. Infatti, i contratti stipulati ai sensi del Dlgs n. 368/2001, sono subordinati a ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, anche se riferibili all'ordinaria attività del datore di lavoro; premessa che certamente non coincide con i presupposti in base ai quali si effettua la sottoscrizione di contratti di lavoro intermittente, a conferma della sostanziale differenza delle due tipologie contrattuali, comunque disciplinate da normative differenti.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/11/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF