Sei in: Home » Articoli

Premio di studio Fondazione Massimo D'Antona 2010: Bando concorso tesi di laurea in diritto del lavoro

Secondo quanto rende noto il Ministero del Welfare, la fondazione Onlus dedicata al professor Massimo D'Antona, bandisce un concorso finalizzato all'assegnazione di due premi per le migliori tesi in ambito giuslavoristico. Il concorso è destinato quindi ai giovani laureati o ai dottorati che abbiano svolto lavori di ricerca nell'ambito specifico del diritto del lavoro. La Onlus promotrice del Concorso, è stata fondata nel 2001, dalle Organizzazioni sindacali dei lavoratori dipendenti dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, attuando così quanto previsto dall'art.10 del d.lgs. del 4 dicembre n.460/1997. Altra condizione per la partecipazione al concorso è l'aver discusso la tesi nel periodo compreso tra il primo gennaio 2008 e il trenta settembre 2009. I due premi messi a disposizione dalla Fondazione D'Antona, avranno il valore di 4000 che verranno assegnati a ciascuno dei due candidati ritenuti più meritevoli. La domanda dovrà poi essere inoltra entro la data del 28 febbraio 2010, all'indirizzo, Fondazione Prof. Massimo D'Antona (ONLUS) - Via Quintino Sella, 23 - 00187 Roma.
Per avere ulteriori informazioni, consultate il sito www.fondazionedantona.it.
(02/11/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: i libri da leggere sotto l'ombrellone ... tra un atto e una nuotata
» Condominio: ripartizione spese di pulizia e illuminazione scale
In evidenza oggi
Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodoIncidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto TravawAvvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Bulli online: ammoniti dal questore
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF