Sei in: Home » Articoli

Lavoro: Cna, occorre ridurre oneri che gravano su costo del lavoro e incentivare imprese

E' necessario ridurre gli oneri impropri che gravano sul costo del lavoro. E' quanto afferma dall'Assemblea Nazionale della Cna, il presidente Ivan Malavasi. Bisogna iniziare "dalla riduzione delle tariffe dei premi assicurativi Inail, la cui sproporzione rispetto alle prestazioni erogate genera, da anni, avanzi nelle gestioni separate dell'artigianato e del terziario. [...] Ci aspettiamo come da impegni autorevolmente assunti dal Governo, che in tempi rapidissimi si ponga fine a questa, che noi consideriamo, ingiustizia". La Cna auspica anche l'introduzione di "una misura di carattere anticiclico tesa, da un lato, a favorire incrementi di produttivita' e, dall'altro, a creare le condizioni per un aumento della domanda, detassando gli incrementi salariali stabiliti dalla contrattazione collettiva, gli straordinari e le tredicesime in pagamento nel prossimo mese di dicembre". Secondo Malvasi sarebbe inoltre necessario incentivare le imprese che investono nello sviluppo consentendo anche una più ampia deducibilita' degli interessi passivi. Malvasi ritiene anche che vada esteso l'ambito di applicazione della Tremonti-ter e "ampliato l'ambito temporale di applicazione della stessa.
Cosi' come e' importante riattivare una misura automatica riservata alle piccole imprese che investono in innovazione e ricerca, per sostenere operazioni anche di importo contenuto e per assicurare continuita' pluriennale allo strumento".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/10/2009 - Notiziario)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
» Divorzio: le tre vie per dirsi addio
» Whatsapp può spiare le chat private: l'allarme degli esperti
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF