Sei in: Home » Articoli

Cassa Integrazione Guadagno: invio telematico domanda

Secondo quanto rende noto il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, è disponibile il nuovo sistema di presentazione delle domande per la Cassa integrazione guadagni via web, denominato CIGSonline. Il sistema permetterà di risparmiare tempo, determinerà una maggiore certezza nell'invio della domanda, eliminerà il cartaceo e andrà a creare un canale comunicativo privilegiato con gli uffici preposti relativamente alla domanda inoltrata. Il sistema modificherà quindi il vecchio modo di invio della domanda previsto dal D.P.R. n. 218 del 2000. Bisognerà essere autorizzati dall'azienda richiedente a svolgere le funzioni di “referente” per l'invio della domanda, avere un indirizzo e-mai: Tra i requisiti soggettivi per l'invio della domanda con il nuovo sistema CIGSonline Altra condizione per l'utilizzo del servizio è la “smart card”: gli utilizzatori saranno i delegati delle aziende che richiederanno Cassa Integrazione Guadagno e avranno a disposizione una smart card per apporre la firma digitale.
In alternativa alla smart card, il Ministero potrà rilasciare un'utenza specifica e una password che permetterà ugualmente di inviare la domanda telematicamente. Per ulteriori informazioni: www.lavoro.gov.it oppure consulta il sito CIGSonline, il sistema on line per la presentazione delle richieste di cassa integrazione guadagni straordinaria e per contratti di solidarietà.
(25/10/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF