Sei in: Home » Articoli

Quando il premio di anzianità si trasforma in vincolo obbligatorio

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 1693/03), ha stabilito che il riconoscimento in capo al dipendente del cd. premio aziendale di anzianità, da atto di mera liberalità può trasformarsi in un vero e proprio vincolo obbligatorio. Ciò, secondo la Corte, per effetto di un comportamento inequivoco delle parti come quello in cui, da un lato, il datore di lavoro eroghi il premio in occasione delle maturazione di un servizio pluriennale prestabilito e, dall?altra, sussista una corrispettiva legittima attesa da parte dei lavoratori a conseguirla.
In tal caso il premio, va a perdere il suo carattere di liberalità e si trasforma in un vero e proprio corrispettivo per la fedeltà e dedizione dell?attività lavorativa svolta per un certo periodo di tempo dal dipendente con inevitabili conseguenze anche sulla determinazione del TFR.
Leggi il testo della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/03/2003 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF