Sei in: Home » Articoli

Consulenti del lavoro: professionista senza struttura non è soggetto a Irap

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro in un parere pubblicato sul sito www.consulentidellavoro.it ha chiarito che non sono soggetti all'ira par i professionisti che operano senza una propria struttura. Per questo nel caso in cui l'abbiano pagata per errore, avranno diritto a chiederne il rimborso. Nel parere si legge che "In assenza di presupposto impositivo i professionisti senza struttura hanno oramai consolidato un comportamento volto a non compilare il quadro Irap ovvero, nell'ipotesi piu' cauta, laddove l'assenza di struttura non sia del tutto pacifica, a compilare e determinare l'imposta, a versarla e a chiedere il rimborso all'Ufficio.
Appare censurabile, invece, il comportamento di coloro che compilano il quadro Irap, determinano l'imposta e non la versano nel presupposto che la stessa non sia dovuta". La Fondazione precisa che "non vi sono indicazioni ufficiali da parte dell'Agenzia delle entrate circa il metodo da utilizzare per il recupero dell'Irap versata in acconto, laddove l'acconto medesimo non venga indicato nel quadro Irap posto che il medesimo non e' stato compilato". In pratica, spiegano i consulenti, ci si avvale di tre strade: "Indicare nel quadro RX il credito risultante dai modelli F24 versati a titolo di acconto, pur in assenza di compilazione del quadro Irap, e utilizzarlo in compensazione; effettuare una comunicazione, mediante l'apposito modello, all'ufficio dell'Agenzia delle entrate, con la quale si fa presente che con riferimento ai versamenti effettuati con i modelli F24 si e' incorso in un errore poiche' si e' indicato il codice Irap 3818 (primo acconto) e 3819 (acconti successivi o unico acconto), mentre il codice corretto e' un altro; effettuare una ordinaria richiesta di rimborso all'ufficio dell'Agenzia delle entrate, relativa all'Irap versata in acconto e non dovuta".
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/10/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF