Sei in: Home » Articoli

Il nuovo procedimento sommario di cognizione

Processi più rapidi con il nuovo procedimento sommario di cognizione. Le parti, a scelta, potranno infatti avvalersi del nuovo rito in alternativa al procedimento ordinario per tutte le cause di competenza del tribunale in composizione monocratica. Tuttavia, qualora il giudice ritenga che le difese svolte dalle parti richiedano un'istruzione piena, con ordinanza non impugnabile fisserà l'udienza di cui all'articolo 183 c.p.c.. In tal caso si dovranno applicare le disposizioni del libro II del codice di procedura civile. Se, invece, sarà la domanda riconvenzionale proposta dal convenuto a richiedere un'istruzione non sommaria, il giudice disporrà la separazione delle cause.
Puoi leggere questo intervento di Alessandro Cassazno sulla rivista www.lapraticaforense.it alla pagina http://www.lapraticaforense.it/doc.do?did=4817186. Al primo accesso viene richiesta la registrazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(05/10/2009 - www.maggioli.it)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF