Sei in: Home » Articoli

UE, eBay vuole regole meno severe

Parità tra commercio dentro e fuori la Rete. È quanto vogliono oltre 700mila utenti del portale di aste che hanno sottoscritto una petizione indirizzata a Bruxelles. Nessun intervento ancora da parte delle griffe
Roma - Hasta e-commerce, siempre dice eBay, proponendo ai suoi utenti (venditori e compratori riuniti sotto un'unica bandiera) di firmare una petizione da presentare alla Commissione Europea, in procinto di apportare le ultime modifiche alle nuove regolamentazioni sugli accordi di distribuzione tra produttori e rivenditori.
In ballo c'è il futuro dell'economia non solo telematica, sostiene il gigante statunitense del commercio elettronico.

Le nuove regole in via di finalizzazione a Bruxelles serviranno a chiarire con maggior precisione il ruolo svolto dalle piattaforme di vendita online (come appunto eBay o anche Amazon) rispetto ai retailer tradizionali, ponendo teoricamente fine (tra le altre cose) alle contese legali tra gli specialisti dell'ecommerce e le marche griffate più riottose come L'Oréal e Tiffany.

Nella petizione proposta da eBay, attualmente firmata da oltre 752mila utenti europei presenti prevalentemente nel Regno Unito (250.000), in Germania (200.000) e Francia (100.000), si chiede alla UE di "modificare le leggi europee sulla concorrenza per bloccare l'utilizzo di pratiche inique", obbligando i produttori a comportarsi in maniera non discriminatoria nei confronti di rivenditori e circuiti operanti online.
"eBay è stato realizato a partire da una semplice idea - che potesse permettere agli individui di costruire un mercato globale dove praticamente chiunque poteva acquistare o vendere qualsiasi cosa" dice il direttore generale di eBay Alex von Schirmeister. Gli fa eco Mary Honeyball, europarlamentare inglese che sottolinea come "in questi tempi di dure condizioni economiche, i consumatori e i business europei hanno bisogno di essere liberi di acquistare e vendere tutti i prodotti ai migliori prezzi di mercato disponibili".

Alfonso Maruccia
Pubblicazione autorizzata da: http://punto-informatico.it/

(24/09/2009 - Punto Informatico)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Cane fa pipì in strada, multa da 157 euroCane fa pipì in strada, multa da 157 euro
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF