Sei in: Home » Articoli

Carceri: Uil chiede apertura dibattito politico

La Uil chiede l'apertura di un dibattito politico sulle condizioni del sistema penitenziario in Italia e ha organizzato una manifestazione per il 22 settembre prossimo a Roma, davanti a Montecitorio. Eugenio Sarno, segretario generale dell'organizzazione sindacale ha dichiarato che saranno sollecitati il ministro Alfano e l'intero governo "ad adottare misure e soluzioni urgenti per far fronte all'ingestibilita' accertata della galassia penitenziaria. I 65mila detenuti, a fronte dei 43mila possibili, e il deficit organico, riconosciuto dallo stesso Alfano, di 5mila poliziotti penitenziari sono piu' che buone ragioni per essere in piazza a manifestare". Considerata la necessità di far fronte ai limiti imposti dalla Questura in relazione al numero dei manifestanti la Uil Pa Penitenziari ha anche lanciato una campagna di adesioni virtuali per aderire alla protesta con una semplice telefonata oppure inviando una mail. Sarno Spiega che nel sito www.polpenuil.it saranno pubblicati gli elenchi aggiornati quotidianamente. Sarno ha spiegato che in circa tre mesi sono state portate a manifestare davanti ai grandi istituti penitenziari, oltre duemila persone.
"Da Milano, Bologna, Napoli, Bari, Palermo e Cagliari si e' levato unanime il coro di proteste della polizia penitenziaria che ha denunciato, e non smettera' di farlo, le afflittive, penalizzanti e insicure condizioni di lavoro e le indegne ed incivili condizioni della detenzione nei fatiscenti istituti penitenziari della Repubblica".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/09/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF