Sei in: Home » Articoli

Sviluppo e Unione Camere commercio: siglato accordo per maggiore vigilanza prodotti in commercio

Il Ministero dello Sviluppo economico ha siglato con l'Unione italiana della Camere di Commercio industria, artigianato e agricoltura (Unioncamere), un protocollo d'intesa teso a individuare le misure atte a garantire una maggiore vigilanza sui prodotti di largo uso e una maggiore tutela per i consumatori e ciò in attuazione del Regolamento comunitario 765/2008 (entrerà in vigore nel gennaio 2010). In particolare, il protocollo attua un piano di potenziamento delle attività di controllo in alcuni ambiti, tra cui quello della sicurezza e conformità alla normativa di giocattoli, prodotti elettrici, dispositivi di protezione individuale; etichettatura di prodotti tessili e di calzature; concorsi ed operazioni a premio; vigilanza sui prezzi, tramite gestione del numero verde e del contact center in supporto all'attività del Garante per la sorveglianza dei prezzi; metrologia legale, con sorveglianza (casuale e a sorpresa) sugli strumenti di misurazione in uso o anche con vigilanza sui laboratori autorizzati alla verifiche periodiche; vigilanza sui metalli preziosi. Il protocollo ha quindi evidenziato la necessità di rendere omogenee le procedure su tutto il territorio nazionale e potenziare la collaborazione con le diverse autorità, a cominciare dalla Guardia di Finanza.
Al progetto, che avrà una durata di 30 mesi, sono destinati 5 milioni di euro.
(20/09/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Carta d'identità elettronica: al via da oggiCarta d'identità elettronica: al via da oggi
Contratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitoreContratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitore
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF