Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no all'accertamento induttivo su ricarico per piccole aziende se contabilità è in apparenza regolare

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Sent. n. 19632/2009) ha stabilito che non è legittimo l'accertamento induttivo basato esclusivamente sulla percentuale di ricarico applicata se questa è diversa rispetto a quella “risultante dallo studio di settore”. Gli Ermellini hanno infatti osservato che “(…) questa Corte, con indirizzo consolidato, ha più volte affermato il principio secondo cui ‘in tema di imposte sui redditi di impresa minore, perché sia legittimata l'adozione, da parte dell'ufficio tributario, ai fini dell'accertamento di un maggior reddito d'impresa, del criterio induttivo di cui al D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 39, comma 2, non basta il solo rilievo dell'applicazione da parte del contribuente di una percentuale di ricarico diversa da quella risultante da uno studio di settore, ma occorre che risulti qualche elemento ulteriore incidente sull'attendibilità complessiva della dichiarazione' come lamentato, nella specie da parte ricorrente”.
Nel caso di specie, la Corte ha quindi rilevato che “la sentenza impugnata, con accertamento di fatto corroborato da una congrua motivazione, ha applicato il succitato principio di diritto, rilevando che (…), in presenza di una contabilità in apparenza regolare, l'A.F. non aveva fornito, oltre al rilievo dell'applicazione di una differente percentuale di ricarico rispetto al settore di appartenenza, nessun altro elemento di fatto o indizio tale da dimostrare l'inesattezza dei dati forniti dal contribuente”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/09/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF