Sei in: Home » Articoli

Cassazione: negato permesso di frequentare corsi di formazione? Azienda deve risarcire il lavoratore

Va risarcito il lavoratore a cui Ŕ stata negata la possibilitÓ di seguire un corso di formazione che ne avrebbe potuto migliorare la sua posizione lavorativa. A stabilirlo Ŕ la sezione Lavoro della Corte di Cassazione (sentenza 19682/2009) che ha sottolineato come la mancata partecipazione alla formazione rappresenta una "perdita di chance" che l'azienda deve risarcire. Nel caso esaminato dal Palazzaccio Ŕ stato accordato un risarcimento ad una dipendente di una casa di riposo a cui per tre anni consecutivi era stato negato il diritto di fruire del permesso delle 150 ore annue per la frequenza dei corsi regionali necessari per conseguire la qualifica di assistente socio-assistenziale.
Quella formazione avrebbe consentito alla lavoratrice una migliore posizione lavorativa e un incremento dello stipendio. Dopo la condanna dei giudici di merito la Casa di riposo si Ŕ rivolta alla suprema corte che ha respinto il ricorso rilevando che la dipendente "invio' ben sei raccomandate negli anni dal 2000 al 2002 per reclamare il proprio diritto ad ottenere il permesso di 150 ore per frequentare il corso regionale per personale Asa che le avrebbe consentito il formale raggiungimento della qualifica professionale che di fatto gia' rivestiva presso la casa di riposo". Questo diritto, spiega la Corte le "venne negato anche negli anni successivi", creandole una "perdita di chance" che deve essere risarcita.
(16/09/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Pensione reversibilitÓ: anche alla vedova spetta la quattordicesima
» Legge 104: agevolazioni concesse al familiare del disabile
» Avvocati: online la nuova banca dati gratuita
» Avvocati e professionisti: deducibile al 100% la polizza per i clienti che non pagano
» Nel mantenimento del figlio Ŕ compresa la ricarica del cellulare
In evidenza oggi
Papa: societÓ "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupatiPapa: societÓ "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupati
Arriva l'112: il numero unico per le emergenzeArriva l'112: il numero unico per le emergenze
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF