Sei in: Home » Articoli

Cassazione: professionisti anziani e ricchi? L'Irap non è automatica

La Sezione Tributaria Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 19515/2009) ha stabilito che il fatto che un professionista sia anziano e ricco non lo espone necessariamente al pagamento dell'Irap. Gli Ermellini hanno infatti evidenziato che “l'elevata specializzazione del professionista è elemento che concorre ad aumentare il reddito anche in assenza di organizzazione. L'età, se non impedisce sul piano intellettuale il pieno svolgimento della professione, come conferma nella specie l'elevato reddito, non incide minimamente sul piano fisico nello svolgimento dell'attività professionale che si compendia nel leggere, studiare, pensare e nello scrivere, attività consentite a tutte le età. Si deve concludere che gli levati reddito, specializzazione ed età sono stai illogicamente ritenuti elementi presuntivi per disattendere la prova offerta dal contribuente”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/09/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF