Sei in: Home » Articoli

Cassazione: basta con le prediche. Per i figli ciò che conta è l'affetto

Una tirata d'orecchie per mamma e papà arriva direttamente dalla Cassazione. I giudici della Corte invitano i genitori a lasciare da parte le prediche verso i figli e a dedicare loro più tempo ed affetto. L'educazione, spiega la Corte "e' fatta non solo di parole, ma anche e soprattutto di comportamenti e di presenza accanto ai figli, a fronte di circostanze che essi possono non essere in grado di capire o di affrontare equilibratamente". Il caso esaminato dalla Corte è relativo a una richiesta di risarcimento danni avanzata dai genitori di un ragazzo ucciso da un minorenne dopo una provocazione.
Il padre e la madre dell'omicida, dopo la condanna nella fase di merito avevano chiesto una riduzione della somma da pagare per il risarcimento deducendo di aver impartito al proprio figlio una "sana e corretta educazione". Nel respingere il ricorso la Cassazione (sentenza 18804/2009 della terza sezione civile) ha ricordato che anche se "il minore era vicino ai 18 anni, cio' non esclude che il suo comportamento abbia manifestato un fallimento educativo, quanto alla capacita' di frenare i propri istinti o di incanalarli in modalita' espressive meno gravi e violente". Queste reazioni, spiega la Corte "per altro sembrano avere tratto origine proprio da comportamenti dei genitori, in particolare del padre, che unitamente all'atteggiarsi del contesto sociale in cui la famiglia si trovava a vivere hanno probabilmente ferito la sensibilita' del minore nelle sue corde piu' profonde e meno controllabili". Il giovane omicida secondo Piazza Cavour "e' stato lasciato praticamente solo di fronte alle provocazioni della vittima e dell'ambiente, in relazione a comportamenti, veri o presunti, di un genitore, in relazione ai quali si e' trovato indifeso". DI nessun rilievo poi la circostanza ch eil ragazzo stesse per raggiungere la maggiore età. Secondo la Corte ragazzi quando stanno per diventare maggiorenni continuano a mantenere "l'inettitudine a dominare i propri istinti e le altrui offese". Per questo è importante che i genitori gli stiano vicini.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/09/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF