Sei in: Home » Articoli

Catania: denunciato e individuato uomo che molestava ragazza su social network

La crescente diffusione dei sistemi informatici ha reso sempre più frequente il diffondesi di reati a mezzo internet. Ma per i responsabili diventa sempre più difficile farla franca grazie all'attività della polizia informatica che dalle connessioni riesce a risalire ai responsabili. Proprio in questi giorni, il Compartimento Polizia postale e delle comunicazioni di Catania a seguito di denuncia ha individuato un uomo di 38 anni che avrebbe minacciato una ragazza conosciuta su un noto social network. Secondo la ricostruzione fatta dagli agenti, dopo un primo scambio di messaggi per fare amicizia, l'uomo avrebbe iniziato a rivolgere alla ragazza espliciti inviti sessuali. Davanti al rifuto, l'uomo avrebbe cominciato a minacciarla di pubblicare le foto presenti sul suo profilo internet, su siti di pornografia e nei bagni pubblici con tanto di commenti offensivi. La ragazza si è subito rivolta alla polizia postale che risalendo dalle connessioni ha rintracciato il colpevole che si connetteva ad internet sia dalla propria abitazione che dal posto di lavoro.
(11/08/2009 - Notiziario)
Le più lette:
» Processo civile: l'opposizione agli atti esecutivi
» Il ricorso per Cassazione - Guida legale e fac-simile
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
In evidenza oggi
Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsiAffido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della poliziaBlue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF