Sei in: Home » Articoli

Privacy: gli indirizzi e-mail non sono pubblici

Il Garante per la protezione dei dati personali, (Newsletter del 10/16 febbraio) dando voce alle proteste di numerosi utenti della rete che si vedevano ?bombardati? da e-mail commerciali e promozionali non desiderate, ha ribadito, ancora una volta, che gli indirizzi e-mail, reperiti tramite Internet, non sono assimilabili a quelli presenti su elenchi pubblici e non possono essere utilizzati liberamente. Tale presenza on-line, infatti, non rende lecito l?uso di questi dati personali per scopi diversi da quelli per i quali sono presenti nella rete. Il fatto che l?indirizzo e-mail sia in rete e possa essere conosciuto, anche temporaneamente, da una pluralitÓ di soggetti non lo rende in alcun modo liberamente utilizzabile e, per questo, senza un preventivo consenso, non possono essere inviate informazioni, di qualunque tipo, anche se non specificatamente a carattere commerciale.
(19/02/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Pensioni: le novitÓ in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest pu˛ risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente pi¨ cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilitÓ del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilitÓ del genitore
Obbligare la moglie a discutere Ŕ reatoObbligare la moglie a discutere Ŕ reato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF