Sei in: Home » Articoli

Enel: Cassazione rigetta domande risarcimento clienti per blackout 2003

La Corte di Cassazione si e' definitivamente pronunciata nel merito del contenzioso riguardante le richieste risarcitorie di clienti a seguito del noto black-out del 2003, escludendo tassativamente la responsabilita' di Enel Distribuzione, accogliendone i ricorsi e rigettando le domande dei clienti, con tre distinte Ordinanze del 23 luglio 2009 (nn. 17.282, 17.283 e 17.284). In particolare, le ordinanze della Corte annullano una sentenza del Tribunale di Napoli e due sentenze del Tribunale di Latina che avevano respinto le tesi difensive di Enel Distribuzione circa l'impossibilita' di fornire energia elettrica ai clienti, derivante non da causa imputabile alla societa', ma dalla mancanza di energia sulla Rete di Trasporto Nazionale non gestita da Enel. Tali sentenze, infatti, avevano ritenuto Enel Distribuzione responsabile, indipendentemente dall'origine e dalle modalita' degli eventi che hanno caratterizzato il noto black-out. La Corte di Cassazione ha completamente ribaltato questa tesi, ritenendo che non possano essere attribuite a Enel Distribuzione responsabilita' ulteriori e diverse da quelle che competono alla Societa', in qualita' di distributore di energia elettrica, nell'ambito del quadro normativo di riferimento. Il ricorso di Enel, difesa dagli avvocati Antonio Briguglio, Pietro Guerra e Riccardo Szemere, e' stato ritenuto ''manifestamente fondato'' dalla Suprema Corte, che si e' percio' pronunciata con ordinanza e ''in camera di consiglio'', con decisivi riflessi in relazione a un contenzioso seriale che vede ancora pendenti decine di migliaia di giudizi nei gradi di merito: da ora, infatti, coloro che insisteranno nelle loro pretese davanti ai giudici di merito, si assumeranno seri rischi anche in ordine alle spese ed ai danni processuali.
(03/08/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF