Sei in: Home » Articoli

Social network. Indicazioni dal Garante

Il Garante per la protezione dei dati personali (Comunicato del 25 luglio 2009) ha dichiarato che il mondo dei social network non Ŕ sottratto alle norme e alle tutele previste dalla direttiva europea in materia di privacy. Sulla scorta di tale premessa ha quindi chiarito che sia i gestori sia gli utenti dei cd. social network hanno specifiche responsabilitÓ.
In primo luogo, ha evidenziato che i gestori delle piattaforme, sono soggetti alle disposizioni della direttiva europea sulla protezione dei dati (e, quindi, delle leggi nazionali in materia), nella misura in cui il funzionamento dei social network richiede l'utilizzo di strumenti posti sul territorio dell'UE. In secondo luogo, i gestori dei social network debbono rispettare tutta una serie di obblighi tra i quali quello di avvertire gli utenti circa la necessitÓ di ottenere il consenso informato dell'utente prima di consentire a terzi di accedere ai dati contenuti nel proprio profilo, quello di cancellare i dati personali contenuti nei profili-utente che siano disattivati (fatta salva la loro conservazione, in casi specifici, per contrastare comportamenti illeciti), di mettere a disposizione strumenti facili e immediati a fine di consentire agli utenti l'esercizio dei diritti previsti dalla normativa (accesso, rettifica, cancellazione), dare la possibilitÓ agli utenti di navigare e utilizzare i servizi anche attraverso pseudonimi, adottare idonee misure di sicurezza (tecniche ed organizzative), anche con riguardo ai rischi di spam.
(09/08/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non pu˛ essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere Ŕ reatoObbligare la moglie a discutere Ŕ reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF