Sei in: Home » Articoli

Privacy: sistema biometrico per i dipendenti che hanno accesso ad aree riservate

Il Garante per la protezione dei dati personali (Comunicato del 25 luglio 2009) ha reso noto di aver autorizzato una al trattamento dei dati biometrici di alcuni suoi dipendenti che hanno accesso ad aree riservate dove sono custoditi i sistemi informatici più importanti dell'azienda. L'Autorità, intervenuta a seguito della specifica richiesta fatta in tal senso dalla Società che aveva l'esigenza di assicurare la riservatezza di una gran quantità di informazioni (anche di carattere sensibile) ha quindi consentito che, al fine di evitare accessi indebiti alle aree che ospitano gli archivi informatici, la società possa mettere a punto, per i propri dipendenti, un sistema di riconoscimento biometrico basato sul confronto tra l'impronta digitale rilevata al momento dell'accesso e il relativo codice numerico di identificazione, memorizzato e cifrato su una smart card (priva di indicazioni nominative) affidata all'esclusiva disponibilità del lavoratore.
Naturalmente, ha precisato il Garante, la Società dovrà fornire ai suoi dipendenti una specifica informativa che contenga indicazioni relative alle finalità e alle modalità del trattamento dei dati raccolti e dovrà inoltre notificare (all'Autorità) il trattamento dei dati biometrici prima che esso abbia inizio e designare per iscritto tutti i soggetti che effettueranno operazioni di trattamento, fornendo loro precise istruzioni.
(08/08/2009 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratisOgni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF